• Pianista accompagnatore, maestro collaboratore e vocal coach a Roma

  • Language coach per cantanti per la lingua tedesca, inglese, italiana, francese e russa

  • Più di 20 anni di esperienza internazionale come pianista accompagnatore, tenore e vocal coach per cantanti lirici.

 

  • Piano accompanist, répétiteur and opera coach in Rome.

  • Language coach for opera singers for Italian, German, English, Russian and French

  • Over 20 years of international experience as accompanist, tenor and vocal coach for opera singers. 

CLICK HERE FOR REPERTOIRE LIST

(+39)329 47 88 457

info(at)toomaskaldaru.com

COSA FACCIO?

Pianista accompagnatore per cantanti lirici, ripassatore dello spartito, spartitista, preparazione audizioni e concerti, pianista per masterclass, lezioni di canto, aiuto a migliorare la pronuncia in tedesco, russo, inglese, ampio repertorio, preparazione programmi musica vocale da camera. 

CHI E' UN VOCAL COACH? (o come lo intendo io)

 

Nel mondo dei cantanti lirici effettivamente il lavoro del pianista accompagnatore è quasi invisibile. Di solito il pianista viene notato nel momento in cui sbaglia qualcosa (le note, il tempo).

Mi piace il termine inglese perché contiene la parola coach (allenatore) che è molto più ampio di un insegnante di canto o un semplice accompagnatore al pianoforte. Allenatore infatti segue lo sportivo in tutto dal punto di vista tecnico e psicologico, cosi come fa un vocal coach con i cantanti.

 

PIANISTA

 

Da quando mi ricordo mi è sempre piaciuto suonare gli spartiti d'opera, quando ero ragazzino mi divertivo a mettere un disco con un'opera di Verdi e ci suonavo sopra e cercavo di imitare i colori dell'orchestra. E ho scoperto che effettivamente il pianoforte può sembrare un flauto, un oboe o un contrabbasso.

 

 

INSEGNANTE

 

Un vocal coach deve avere molte qualità tecniche – deve essere un pianista (con una buona lettura a prima vista e tecnicamente abile), conoscere molto bene la partitura (sarebbe ottimo se avesse studiato la direzione d'orchestra), conoscere bene ed avere la passione per l'espressione vocale (sarebbe ancora meglio se avesse studiato canto) e conoscere bene le lingue straniere (quelle in cui si canta naturalmente). Bisogna saper dare anche dei consigli vocali, ma solo quando vengono richiesti.

 

 

REGISTA

 

Studiando un nuovo ruolo in un

opera, un vocal coach dovrebbe essere capace anche di analizzare il personaggio e il libretto dal punto di vista drammaturgico. Non dico che bisogna essere registi, ma dare dei suggerimenti al cantante sul profilo psicologico del personaggio aiutandolo ad andare davanti al regista già con una sua idea.

 

 

PSICOLOGO

 

Un altro aspetto importante è empatia. I cantanti sono di solito persone molto sensibili e fragili, (anche io come ex-cantante ne so qualcosa), quindi un buon vocal coach deve saper mettere da parte le proprie ansie e dare un supporto psicologico al cantante. Certe volte in una determinata opera i compiti per un cantante sono molto ardui e spesso bisogna convincerli di essere in grado di superare i propri limiti.

 

 

ORCHESTRA

 

Quando si lavora al teatro, il pianista deve essere come un'orchestra. Spesso discuto con miei amici pianisti che non si occupano d'opera e che mi dicono – ma tanto che ti ci vuole a suonare uno spartito, è facile! Allora gli propongo di suonare insieme una scena di un opera, vediamo quanto è facile far finta di essere un orchestra con una mano sola e con l'altra mano dare l'attacco a qualche cantante, magari nello stesso momento cantando la parte di qualcuno che manca. Come dice qualcuno, bisognerebbe avere 15 dita e mani di un gigante.

 

EROI?

 

Insomma i vocal coach sono come i tuttofare, devono sapere (quasi) tutto, essere presenti quando si ha bisogno loro e diventare invisibili quando il lavoro è compiuto e l'opera è andata in scena. Eroi nascosti dell'opera.

 O no?

 

StampaStampa | Mappa del sito
(c) Toomas Kaldaru 2016